728x90 AdSpace

  • News

    Powered by Blogger.
    venerdì 14 febbraio 2014

    Gli oligarchi UE "benedicono" Renzi. Proprio mentre il Parlamento Europeo li mette sotto accusa

    Il presidente della Commissione Ue, José Manuel Barroso, ha ricordato che Matteo Renzi é «impegnato come europeo» e ha «un profondo interesse per il processo di integrazione europea».
    Barroso ha spiegato di avere incontrato il futuro capo del governo italiano «in diverse occasioni». Il presidente della Commissione non ha voluto commentare «il processo democratico interno in Italia», ha ricordato che «in generale la posizione italiana è sempre molto leale» rispetto al progetto europeo. In ogni caso, ha ribadito, «l'Ue resta fiduciosa nel fatto che l'Italia continuerà con le riforme strutturali e gli sforzi di consolidamento dei conti pubblici». Barrosoha riferito di aver telefonato stamattina al premier uscente Enrico Letta definito «un grande europeista», per «ringraziarlo per il suo impegno».
    Proprio mentre gli oligarchi Europei si complimentano e si stringono le mani da soli, Alejandro Cercas, il relatore del rapporto sull'attività della troika nei paesi sotto salvataggio votato ieri alla Commissione Lavoro del Parlamento europeo non ha dubbi:  “Hanno lavorato come macellai, non come chirurghi” I programmi imposti a Grecia, Portogallo, Irlanda e Cipro, ha sottolineato Cercas, hanno prodotto uno “spettacolare aumento della disoccupazione, triplicata in quattro anni”, hanno “distrutto il dialogo sociale” e “violato il diritto alla salute”. 
    Il testo, in cui i creditori internazionali di Banca centrale europea, Commissione europea e Fondo monetario internazionale sono accusati di “aver violato leggi e trattati, è stato approvato in Commissione lavoro con una larghissima maggioranza e sarà ora votato in seduta plenaria a marzo. Tra l'altro c'è da sottolineare che Renzi è stato "raccomandato" in primis proprio dal Fondo Monetario Internazionale...
    Questa durissima presa di posizione della "Commissione Lavoro" del parlamento di Bruxelles la dice lunga sulla paura che hanno gli oligarchi della UE del risultato delle elezioni europee di maggio. Se dovesse vincere - e vicnerà - in tutta Europa il fronte anti-euro e anti-UE, costoro saranno chiamati a rispondere in tribunale dei crimini contro l'umanità che hanno compiuto in Grecia, in Portogallo, in Spagna, a Cipro. 
    I burocrati della Troika verranno portati personalmente a rispondere in tribunale di questi crimini, e la sede c'è già: è il Tribunale Penale Internazionale dell'Aja. I reati che hanno compiuto sono equivalenti ai crimini di guerra della ex Jugoslavia. Migliaia di orti suicidi nelle nazioni che la Troika ha devastato per conto delle oligarchie finanziarie e bancarie europee, migliaia di morti di malattie e di stenti per colpa dei tagli imposti dalla Troika ai sistemi sanitari dei Paesi che ha distrutto, hanno diritto ad avere giustizia.









    • COMMENTI
    • Facebook Comments

    0 commenti:

    Posta un commento

    Item Reviewed: Gli oligarchi UE "benedicono" Renzi. Proprio mentre il Parlamento Europeo li mette sotto accusa Rating: 5 Reviewed By: Redazione
    Scroll to Top